NANNI

Nazareno De Angelis
Roma, 5 OTTOBRE 1980, si "suicida" il camerata NAZARENO DE ANGELIS detto NANNI (21 anni. Contro di lui fu spiccato un mandato di cattura per Terza Posizione, sfuggito all’arresto il 23 settembre. Viene bloccato il 4 ottobre, insieme a Luigi Ciavardini (17 anni).
Gli agenti riescono ad immobilizzare Ciavardini, ma non riescono ad atterrare NANNI. Lo colpiscono alla testa con le pistole, poi lo ammanettano ad un lampione e lo stordiscono a calci. Testimoni oculari riferiranno di aver visto un gruppo di persone prendere a calci un giovane disteso per terra. All’arrivo in Questura lo ammanettano ad una sedia e continuano a sbattergli la testa al muro. Lo portano all’ospedale, delira. per ordine del magistrato lo riportano in cella nonostante il referto medico indichi chiaramente le percosse subite da Nanni.
Lo trasferiscono in isolamento dove lo trovano impiccato dopo un po’ di tempo.
Su questa tragica vicenda, dopo qualche mese c’è stata un interrogazione parlamentare, ad opera del Senatore Michele Marchio, ora scomparso intitolata "In memoria di un Camerata innocente che il regime ha fatto suicidare"
La versione ufficiale dirà che si è impiccato…
Un lungo commento a questo tragico evento si trova in un libro recentemente uscito, "Noi Terza Posizione" di G. Adinolfi e R. Fiore edito dalle edizioni Settimo Sigillo.
 
Nanni
 
C’era un grande guerriero
con lo sguardo sereno
che giocava con te.
Combatteva senz’armi
era senza cavallo
ma è lo stesso per te.
Ora è partito ma ritornerà
tornerà quando tu chiamerai.
Ora è partito ma se lo vorrai
tornerà quando sogni da te.
 Era forte era grande
ma non era cattivo
lui correva con te.
Chi è cattivo ha paura
chi e troppo forte paura non ha.
Nanni è partito a combattere chi
quel mondo dove il gioco non c’è.
Nanni è partito ma ritornerà
tornerà quando tu chiamerai.
 
L’orco lo fece prigioniero
e una porta per scappare lui non la trovò
e allora divenne un uccello
che attraverso le sbarre nel cielo volò.
 Nanni è partito ma ritornerà
tornerà quando tu chiamerai.
Nanni è partito ma se lo vorrai
tornerà quando sogni da te.
 

  
PICCOLO ATTILA (Gabriele Marconi)

Iniziava l’estate di un anno fa
e tranquilli eravamo noi
quando entrammo ridendo in un prato che
di strana gente brulicava già.

Ci mettemmo seduti e dietro a noi
solo l’erba si stendeva
ma strisciavano a cento e a cento
gli sciacalli nell’oscurità.

Mille stelle in cielo splendevano
alti alberi tutti intorno a noi
dolci canti antichi suonavano
Piccolo Attila parlava a noi.

E diceva di verdi prati che
di rugiada brillavano nel sol
e guerrieri a cavallo intonavano
le canzoni degli antichi eroi.

Tutti in piedi ci alzammo e davanti a noi
gli sciacalli già fremevano,
avanzaron ghignando sicuri già
d’inseguire schiene nude.

Ma la mano di Piccolo Attila
contro il cielo stellato si levò
seminando il terrore calava giù
l’orda buia non rideva più.

E con la forza di un fiume in piena poi
Caricammo e la terra sotto noi
rimbombando tremava e gli alberi
ondeggiavano nel vento.

E mai più, mai più quel prato rivedrà
una sera come un anno fa
non si scioglierà mai la Compagnia
ma c’è chi non è più sulla via.

Come un’aquila ora vola lui
sorridendo alle stelle e ancor più su
e il suo flauto suonando ci guiderà
verso l’alba che sicura è già.

Iniziava l’estate di un anno fa
e felici eravamo noi
quando uscimmo ridendo da un prato che
due occhi a mandorla non scorderà
.

(Download)Gabriele Marconi – Piccolo Attila

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Una risposta a NANNI

  1. Atny ha detto:

    Ciao! Che bastardi! ci sono cose che non si perdonano…ferite che non guariscono, ma il dolore che proviamo ricordando ci aiuterà a ricordare perchè non dobbiamo arrenderci. Purtroppo la nostra storia è nera non solo perchè fascista ma anche perchè a lutto e rossa non solo di comunismo ma anche di sangue. La cosa peggiore è che quasi tutti non hanno avuto giustizia…nessuno sta pagando e in pochi fuori dal nostro ambiente conoscono le storie dovremmo provare a fare qualcosadi più.. sempre uniti.
    Un ultima cosa: mi piace un sacco il tuo blog vorrei provare anche io a mettere il programma per mettere più canzoni spero non ti dispiaccia
    a noi

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...